LEGA TERRORISTA – LIBERI TUTTI!

Azioni di solidarietà e dissenso. Anche ad Asti sostegno ai compagni arrestati e proteste contro la Lega, di seguito il comunicato attaccato alla sede locale della Lega Nord.

LEGA TERRORISTA – LIBERI TUTTI
Giovedì 7 febbraio l’Asilo occupato di Torino in via Alessandria viene sgomberato. Parallelamente 6 anarchici torinesi finiscono in manette per “associazione sovversiva”. L’indagine verte sulla lotta contro i Centri di permanenza per il rimpatrio (CPR): lager in cui sono rinchiuse le persone colpevoli di essere nate nel posto sbagliato e di essere sprovviste di un pezzo di carta. Immediata la reazione del ministro leghista Matteo Salvini: «Giustizia è fatta, centro sociale sgomberato e delinquenti in galera».

A distanza di pochi giorni è poi il turno di altri anarchici, questa volta trentini: 7 arresti per “associazione sovversiva con finalità di terrorismo”: contestati attacchi piccoli o grandi contro banche, caserme, ripetitori, mezzi militari, tribunali, sedi di partito.

E subito, ancora una volta, le congratulazioni di Salvini: “nessuna tolleranza per violenti e criminali”.
In entrambe le operazioni la stessa modalità repressiva: attribuire ad alcuni anarchici qualche azione (nel caso trentino 6 su 70) e sostenere che tutto – dalla scritta sul muro all’attacco incendiario – è pianificato da una fantomatica associazione sovversiva con tanto di ruoli, per provare a distribuire così anni di carcere.

Un copione vecchio: far fuori chi lotta per passare con lo schiacciasassi su ciò che resta delle libertà. Reprimere gli anarchici per criminalizzare il dissenso. Colpirne alcuni per educarne cento, “sbattere il mostro in prima pagina”, presentando chi si oppone al razzismo e all’autoritarismo di Stato come un terrorista.
Tutto per distogliere lo sguardo dai veri terroristi: quelli che erigono frontiere, che sbattono in galera i senza documenti, che lasciano morire la gente in mare, che stringono accordi con paesi dittatoriali per respingere chi è colpevole solo di cercare una vita migliore altrove.

I morti affogati nel Mediterraneo, i morti assiderati sul confine francese, le migliaia di persone torturate, stuprate, sottoposte ad ogni sevizia nell’inferno delle galere libiche, il loro sangue macchia le mani dei nostri governanti: loro sono i veri terroristi.

Terrorista è la guerra dichiarata ai poveri e agli stranieri con i vari pacchetti sicurezza. Terroristi sono i confini e i governanti che li difendono. Questi sono i veri violenti, i veri criminali.

Sempre dalla parte di chi lotta e resiste! L’Asilo non si tocca!
Terrorista è la Lega. Terrorista è lo Stato.
Asti antifascista

 

CONTRO IL TAV E IL SUO MONDO!

CALENDARIO EVENTI in preparazione della manifestazione nazionale contro le grandi opere del 23 Marzo a Roma.

  • 17 Febbraio 2019 h. 17:30 @ L.A. MICCIA – via Toti 5 Asti. Proiezione “No Terzo Valico. Un Progetto delirante inutile dannoso”, a seguire incontro e dibattito con Salvatore Corvaio. H. 20:00 apericena vegan ad offerta libera – parte dell’incasso andrà a sostenere i compagni dell’Asilo Occupato
  • 23 Febbraio 2019 h. 15:00 @ Asti P.zza Statuto \ C.so Alfieri  – Presidio itinerante per ribadire le ragioni del NO al TAV
  • 17 Marzo 2019 h. 18:00 @ Diavolo Rosso – Asti. CONTRO IL TAV E IL SUO MONDO Incontro con Angelo Tartaglia (docente del Politecnico di Torino) e Maria Matteo (Comitato NO TAV Autogestione Torino)
  • 23 Marzo 2019 MANIFESTAZIONE NAZIONALE CONTRO LE GRANDI OPERE ROMA

NO TERZO VALICO! | Proiezione e chiacchierata @ L.A. MICCIA ASTI | 17 Feb 2019 h 17:30

Aspettando la manifestazione del 23 Marzo a Roma, due chiacchiere sul terzo valico al Laboratorio Autogestito La Miccia di Asti.

17 Febbraio h. 17:30

Proiezione del documentario “NoTerzoValico. Un progetto delirante inutile dannoso”. Il film è stato curato dal Comitato Popolare No Terzo Valico di Alessandria (Fenix autoproduzioni Torino). Girato fra maggio e giugno 2012, il film documento, al di là dell’innegabile contenuto informativo sui danni, l’inutilità e l’assurdità del Terzo Valico, si presenta come un’immagine corale, dove la forma espressiva scelta evidenzia uno spaccato di tutte le anime che agitano lo scenario della contrarietà al Terzo Valico piemontesi e liguri. Ma le interviste sono anche fatte a pioggia nelle strade e nelle piazze di Alessandria.

Contro la linea ad alta velocità del corridoio Reno-Alpi che interesserà 14 comuni delle province di Genova e Alessandria. Un’opera senza alcuna utilità che porterà, con costi enormi per la collettività, grave inquinamento dell’acqua, del suolo e dell’aria.


17 Febbraio h. 20:00

Apericena vegan.

Evento ad offerta libera.

Contro il TAV e il suo mondo! Resistenza dappertutto!

CDL FELIX
LA MICCIA

Il Medico di Luce – 03 Luglio @OTTOLENGHI SUMMER

Martedì 03 Luglio, presso Ottolenghi Summer proseguiamo con il ciclo di eventi “CDL Felix Presenta”.

“Il Medico di Luce. Un anarchico astigiano tra Montevideo e Barcellona” narra la vita di Virgilio Bottero, nato a Refrancore nel 1902, emigrato con la famiglia in Uruguay. Un medico, un anarchico, un uomo dalle forti passioni che nonostante la difficile convivenza con una malattia invalidante sente il bisogno di prendere parte alla rivoluzione spagnola.

Disse di lui Luce Fabbri, scrittrice ed anarchica italiana che fu sua amica e paziente: “Pochi esempi di freddo coraggio conosco, come questa lotta segreta fra una malattia ed un uomo, che contro di lei difende non la sua vita fisica, ma il suo lavoro, la sua battaglia per la giustizia, le sue possibilità di dare.”

Una ricerca storica a partire da frammenti di archivio che ci ha permesso di ricostruire le vicende appassionanti di questo astigiano. Presentazione a cura degli autori Stefano Brezzo e Werther Spessa.

Inizio ore 19:30, non mancate!

Il Medico di Luce. Un anarchico astigiano tra Montevideo e Barcellona. – Brezzo S. Spessa W. –> QUI

Verdad – 27 Giugno @OTTOLENGHI SUMMER

Mercoledì 27 Giugno, presso Ottolenghi Summer proseguiamo con il ciclo di eventi “CDL Felix Presenta”.

Questa volta ci dedichiamo al fumetto Verdad, di Lorena Cannottiere.

La piccola Verdad ha otto anni e vive con la nonna in un paesino sui Pirenei. Di sua madre sa poco: solo che se ne era andata a Monte Verità, in Svizzera, sulle rive del Lago Maggiore. Una comune anarchica organizzata su base matriarcale dove all’inizio del ‘900 si praticavano il vegetalianesimo, il nudismo e l’amore libero, e dove intellettuali e artisti come Otto Gross, Bakunin, Hermann Hesse si ritrovarono per coltivare il sogno di una società più libera e più giusta. Anche Verdad ha lo stesso sogno.

E poi cresciuta, quando scoppia la guerra civile, va a Barcellona per combattere con le Brigate internazionali contro il franchismo…

Con un brillante uso del colore Lorena Canottiere ci regala un racconto intimo e commovente e al tempo stesso un vivido affresco storico, inframmezzato da ballate e canzoni. La storia della guerra di Spagna si mescola a quella della comune di Monte Verità e all’ostinata, appassionata ricerca di libertà di una giovane donna. Un personaggio indimenticabile.

Presentazione con l’autrice Lorena Cannottiere.

Inizio ore 19:30, non mancate!

25 Aprile 2017 @ Parco Tanaro Asti

AGGIORNAMENTO:

Un grazie ai musicisti, ai bricconi, a tutti voi bella gente, e al clima che è stato clemente anche se inquieto!

Il ricavato della giornata, oltre 250€ tolte le spese, sarà impiegato presto nell’acquisto di nuovi libri. A breve aggiornamenti in merito, e nuovi eventi.

E la prossima volta più panini.

Centro Documentazione Libertario FELIX

Continue reading “25 Aprile 2017 @ Parco Tanaro Asti”

Presidio per Gabriele Del Grande @ Piazza S. Secondo

GABRIELE DEL GRANDE LIBERO! LIBERI TUTTI!

Gabriele Del Grande è uno scrittore, autore di svariati libri. È un giornalista di 35 anni che ha collaborato a numerose testate giornalistiche. Gabriele è un blogger ed è anche l’autore di un film – Io sto con la sposa – pluripremiato dalla critica.

Gabriele è dal 9 aprile in stato di arresto in Turchia in un Centro di Identificazione ed espulsione, in seguito a un fermo avvenuto al confine con la Siria, dove si trovava per un reportage. Per i primi otto giorni non gli è stato concesso alcun contatto con l’esterno. E tutt’ora si protrae il suo arresto, nonostante i suoi documenti siano in regola. Per protestare contro tali soprusi Gabriele ha iniziato uno sciopero della fame.

Continue reading “Presidio per Gabriele Del Grande @ Piazza S. Secondo”